Andrea Riccardi (TG1): L'Europa dell'integrazione. Un convegno a Perugia.




Breve servizio del TG1 sul convegno "L'Europa dell'integrazione", tenutosi a Perugia nel novembre del 2012, al quale il prof. Andrea Riccardi, in qualità di Ministro per la cooperazione internazionale, ha preso parte.


andrea riccardi, riccardi andrea, tg1, integrazione, europa, perugia, convegno, l'europa dell'integrazione, università per gli stranieri, ministro per la cooperazione internazionale
English Italiano
[TG1]: "Immigrazione non vuol dire ancora integrazione, in Italia. Gli stranieri nel nostro paese, 194 etnie diverse, richiedono accoglienza e non rappresentano solo un'emergenza. Modelli europei a confronto e possibili soluzioni. Se n'è parlato a Perugia: l'inviata Francesca Biancacci."
[Francesca Biancacci]: "I tempi dell'emergenza, quelli in cui i gruppi di migranti disperati cercavano di raggiungere il nostro paese, sono pressoché finiti. In Italia ora vivono e lavorano quasi 5 milioni di extracomunitari, 2.500.000 sono lavoratori dipendenti. Rappresentano un decimo della forza lavoro italiana, sostengono il sistema pensionistico, contribuiscono al PIL; il 20% di loro, ancora, è proprietaria di un alloggio. Eppure l'integrazione per gli immigrati, 194 etnie presenti nel nostro paese, è ancora molto difficile. È quanto emerge dalla giornata di studio "L'Europa dell'integrazione", organizzata a perugia dal Ministero per la cooperazione internazionale. Eppure è proprio dai migranti che può venire un grosso contributo alla società italiana."
[Andrea Riccardi]: "L'Italia è un paese che non cresce. L'Italia ha bisogno di leggere il fenomeno delle immigrazioni come una realtà costitutiva della sua crescita. Finora ha fatto molto la società, le imprese, le città; ha fatto molto la famiglia. Noi dobbiamo costruire una vera strategia di integrazione, perché questo paese deve crescere. È un appuntamento decisivo."
[Francesca Biancacci]: "È tempo di rivedere la normativa italiana sul tema, per passare da una visione emergenziale ad una visione di accoglienza. Lo chiedono le amministrazioni pubbliche ed è preoccupazione dello stesso Governo. In America, il mancato riconoscimento, da parte della parlamento, della cittadinanza ai figli di immigrati nati in Italia, è stata, dice il Ministro Riccardi, un'occasione mancata. Un tema di cui comunque si tornerà a parlare."