Andrea Riccardi al TG2 per la mostra sui Giubilei al Senato




Andrea Riccardi intervistato per il servizio "Gli Anni Santi, memorie di civilità" a cura del TG2, in occasione della mostra sui Giubilei nella sala Zuccari al Senato, inaugurata il 15/03/2016.


andrea riccardi, riccardi andrea, mostra sui giubilei, senato, anno santo, Giubileo, tg2, intervista, sala zuccari, zuccari, tommaso ricci, irene fosi, silvana balbi de caro, zecca, medaglie commemorative
English Italiano
[TG2 - Tommaso Ricci]: "Già il luogo dell'iniziativa è eloquente, Palazzo Giustiniani, sede di rappresentanza del Presidente del Senato; qui è stata firmata la Costituzione Italiana. Nella sala Zuccari e in quelle attigue scorre la secolare storia dei Giubilei, dentro la copiosa messe di documenti, libri, stampe, in gran parte provenienti dalla preziosa Biblioteca del Senato. Non poteva mancare l'inizio di tutto: la Bolla con cui Bonifacio VIII indisse nel 1300 il primo Giubileo; viene della Biblioteca Vaticana. La suggestione è profonda, anche perché il documento è posto di fronte al cimelio senatoriale delle polveri di Dante, che quel Papa mise all'inferno."
[Irene Fosi]: "Certamente nelle iniziative del Giubileo, questo è veramente un grande successo e ci auguriamo anche che abbia una risposta da parte del pubblico. Il pregio anche di questa mostra è quello di ripercorrere, in senso diacronico molto ampio, dal Giubileo del 1300 fino al Grande Giubileo del 2000, tutta una serie di aspetti e di vederne la concatenazione, le permanenze e i mutamenti. Si va, appunto, dalle Bolle, ovviamente di inizio del Giubileo, a quella che era l'accoglienza, il viaggio; quindi vediamo anche come la placchetta del pellegrino del medioevo o nell'età moderna diventi poi la carta del pellegrino nel Giubileo del 1950."
[TG2 - Tommaso Ricci]: "Il presidente Grasso ha invitato alla mostra, ingresso libero, tutti i cittadini di qualsiasi appartenenza religiosa o ascendenza culturale. Questa iniziativa, qui, su un evento religioso, non è un corto circuito nei rapporti Stato-Chiesa?"
[Andrea Riccardi]: "Questo evento religioso fa parte della storia italiana e della storia di Roma. È uno degli aspetti costitutivi del rapporto tra Roma, l'Italia e il mondo: il Giubileo; ed è una storia di più di 700 anni. Roma si sviluppa e sempre più prova ad accogliere queste dimensioni dei pellegrini che vengono a visitarla. Il Giubileo ha una grande storia, e come tutte le cose che hanno una grande storia, una tradizione vivente, io credo abbia un grande futuro. Il Giubileo ha un futuro per i credenti, ma un Giubileo ha un grande interesse per tutti, perché è una parte importante della storia dell'Italia, di Roma e del nostro mondo."
[TG2 - Tommaso Ricci]: "Tante curiosità, stampe che ritraggono antiche apertura di Porte Sante, progetti mai realizzati a San Pietro, come il terzo braccio del colonnato, medaglie celebrative coniate lungo i secoli, vengono dal museo della zecca che presto riaprirà.
[Silvana Balbi De Caro]: "Il museo della zecca ha presentato e presenta, in questa mostra, una raccolta straordinaria di medaglie. Sono piccoli documenti in metallo, che ci raccontano la storia dei Giubilei. Un momento particolare di questa lunga storia dei Giubilei, che noi presentiamo estrapolandola da una collezione del museo della zecca di Roma, fatta di coni e di medaglie. Un unicum nel tempo, considerando che poi la medaglia è un frutto del genio italiano che nasce alla metà del 1400; la medaglia prima non esisteva, è un genere nuovo, l'unico creato però dal genio italiano, dal grande Pisanello."
[TG2 - Tommaso Ricci]: "Credenti e non, la storia dei Giubilei ci riguarda, è la storia di cui siamo fatti. Conoscerla rende tutti più consapevoli."